Ho iniziato dalla scuola: ecco il mio intervento per il #25novembre

Stamattina, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione contro la violenza sulle donne, ho partecipato come relatrice a un seminario rivolto ai ragazzi che si è svolto all’istituto Giuseppe Mazzini di Napoli, che è stata anche la mia scuola.

Ecco il testo del mio intervento: (per alcuni punti ho preso spunto da un testo scritto qualche giorno fa dalle autrici di pasionaria.it)

 

I 5 punti per una corretta narrazione della violenza:

Io non sono una giornalista, sono una blogger e leggo ogni giorno di donne ammazzate, stuprate o violate. Il modo in cui viene narrata una violenza dovrebbero essere cambiati e dobbiamo essere proprio noi ragazzi a cambiare questa cultura.

Ecco 5 punti che vorrei analizzare insieme a voi; qualcuno è stato analizzato da alcune mie colleghe blogger

1: la rappresentazione della donna vittima giovane e bella, col volto tumefatto, o con l’occhio nero: questo tipo di rappresentazione fa capire al lettore che a subire violenza sono solo le donne giovani e belle, quando invece non è così. La violenza non ha estrazione sociale, viene perpetuata nei confronti di donne ricche e anche di quelle povere e di qualunque età.

2: i midia ci raccontano solo le violenze più gravi come il femminicidio o lo stalking, quando invece la violenza è anche altro; sono le discriminazioni, anche quelle nei confronti delle persone disabili, le molestie sugli autobus, le battute sessiste( alla Boldrini gliene hanno dette di tutti i colori).

3: i media tendono a giustificare l’uomo violento. L’hanno scorso leggevo: “lei lo aveva lasciato e lui era stressato”; questa frase sottolinea il fatto che è la donna l’essere colpevole, l’uomo agisce di conseguenza. Invece la questione è più profonda e ben diversa: l’uomo, che considera la donna una sua proprietà, la uccide perché visto che lei lo ha lasciato, ha perso il possesso su di lei.

4: omicidio=raptus: leggiamo quasi sempre una frase tipo questa: il marito ha ucciso la moglie in un raptus”; l’omicidio non è una questione di rabbia momentanea, ma avviene dopo un escalation di violenze fisiche e psicologiche.

5: lo stupro è colpa della vittima: non so se ricordate il caso della 16enne stuprata a Roma l’anno scorso, questo è un esempio per tutti. Lì l’opinione pubblica tendeva a incolpare la ragazzina chiedendosi come mai lei a mezzanotte era in giro da sola, com’era vestita, ecc ecc. Lo stupro non dipende dall’abbigliamento o dal fatto che una persona se ne vada in giro da sola in tarda sera. Quindi i media dovrebbero limitarsi a scrivere i fatti così come sono andati e cioè che l’uomo ha stuprato una ragazza.

 

Alcune parole le ho cambiate rispetto a stamattina, ma il succo del discorso che ho fatto ai ragazzi è stato questo.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...