Elisa Claps: NO alla riapertura al culto della chiesa in cui fu ritrovata

Ed eccomi qui, a parlare ancora una volta di Elisa. Stavolta però lo faccio in questo blog e chiedo a tutte le mie colleghe blogger e non, femministe e non, di esprimersi su questo argomento.

Secondo voi, è giusto riaprire al culto una chiesa nel cui sottotetto, per 17 anni, è stato occultato il corpo di una 16enne, uccisa in quello stesso luogo?

A mio modesto parere, non è giusto. Quel posto dovrebbe essere trasformato in un centro antiviolenza, in un centro sociale, in un museo, tutto tranne che chiesa. Le pareti di quella chiesa sono ancora impregnate del sangue innocente di Elisa… come ha detto giustamente la madre mercoledì a chi l’ha visto?

E poi, la gente, come potrebbe entrare lì dentro a confessarsi, a sentire messa, a sposarsi, a battezzare i propri figli, sapendo che fino a pochi anni prima c’erano i resti di Elisa? Io non riesco a capacitarmi di come il clero potentino possa mettere una pietra tombale su questa vicenda, di come senza nessun rispetto per Elisa e per la sua famiglia, possa pensare di ripristinare quel luogo… E certo, che sarà mai successo? Ma niente, solo un corpo abbandonato lì dentro come uno straccio vecchio, e tutti sapevano tranne la famiglia…

Per fortuna, la sentenza che ha condannato le donne delle pulizie una cosa l’ha accertata: in molti erano a conoscenza del “segreto” e nessuno ha mai detto nulla.

“se volete aprire quella chiesa al culto, dovete passare sul mio cadavere” ha detto mamma Filomena, sempre dagli studi di chi l’ha visto? E le sue parole hanno avuto l’effetto di un ciclone. Moltissime persone hanno cominciato a twittare e a commentare, esprimendo solidarietà alla famiglia Claps ma soprattutto hanno detto NO con fermezza alla riapertura al culto della SS. Trinità.

Anche se, purtroppo, come giustamente ha detto il fratello di Elisa, questa vicenda continua a spaccare in due la comunità essendoci chi pensa che la chiesa può riaprire tranquillamente.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...