Onorina Brambilla Pesce

Nori, come la chiamava il marito (Giovanni Pesce), e come la chiamavano gli amici e i compagni aveva ricevuto, giovedì 7 dicembre 2006, l’«Ambrogino d’oro», il riconoscimento del Comune di Milano ai cittadini illustri. Un premio per l’impegno che, per tutta la vita, “Nori” aveva dedicato a tener viva la memoria della Resistenza e dei campi di sterminio nazisti ai quali era sopravvissuta.

Era il 12 settembre 1944 quando “Sandra” (questo il nome di battaglia di una delle più audaci staffette partigiane milanesi, che aveva già contribuito all’organizzazione degli scioperi del marzo 1943 e 1944, realizzati nel pieno della guerra e del regime fascista) cadde nelle mani dei fascisti repubblichini. Per due mesi fu sottoposta a pesanti interrogatori in quella che era, allora, la “Casa del Balilla” di Monza, ma la ragazza non si lasciò sfuggire nulla di compromettente. Eppure era una delle dirigenti milanesi dei “Gruppi di difesa della donna”, la struttura del CLN che affiancava le formazioni partigiane in città e in montagna.

L’11 di novembre “Sandra(nome di battaglia) veniva prelevata dalla cella nella quale era tenuta in isolamento e fatta salire su un autobus. Né lei né gli altri “passeggeri” sapevano quale era la destinazione. Lo scopriranno due giorni dopo, quando verranno scaricati nel campo di concentramento di Bolzano-Gries. Nel campo, Onorina Brambilla (numero di matricola 6087), resterà (sempre in attesa di essere trasferita in Germania, ma senza sapere quale sorte era riservata ai detenuti dei lager nazisti), sino alla liberazione, avvenuta il 29 aprile del 1945. Su questa esperienza e su quella nella Resistenza, “Nori” ha continuato a rendere testimonianza in convegni, dibattiti, lezioni nelle scuole.

Con Giovanni Pesce è stata la protagonista del film di Marco Pozzi, Senza tregua, presentato nel 2003 alla Mostra del cinema di Venezia. Con altri ventiquattro “testimoni” aveva contribuito alla realizzazione del documentario Il primo giorno – Milano, 25 aprile 1945 che, per iniziativa della Provincia di Milano è andato in scena al “Dal Verme” nel sessantesimo della Liberazione.

Morì nel 2011.

(Fonte: http://www.anpi.it/donne-e-uomini/2090/onorina-brambilla-pesce)

 

Segui Blog delle donne anche su www.facebook.com/blogdonne e su http://www.twitter.com/Blogdelledonne

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...