Cosa significa avere le mestruazioni in Africa?

“cosa significa avere le mestruazioni in Africa?” avevo affidato a Google la risposta a questa domanda approssimativa, stupida forse, sicuramente non convenzionale ma che aveva generato in me una sorta di morbosa curiosità dopo aver analizzato poche ore prima alcune fantasiose ipotesi sull’argomento con un’amica. Ciò che la mia ricerca ha prodotto ha spalancato le porte di un mondo che non conoscevo affatto o che peggio facevo finta di non conoscere.

In molte zone povere dell’Africa parlare del ciclo mestruale non è solo un pericolosissimo Tabù, ma anche il motivo per il quale moltissime ragazze in età scolare abbandonano gli studi fin da giovanissime. Nelle baraccopoli Africane, l’assorbente è un lusso. Si, proprio quello che ci propinano in tutte le salse: alato, profumato, doppio, per la notte, per il giorno per il lavoro, piccolo, medio, grande, grandissimo, interno, esterno; in Africa è accessibile solo al 39% delle ragazze. La stragrande maggioranza delle giovanissime Donne preferisce perciò un sicuro nascondiglio casalingo ai banchi di scuola.

Questo genera un dannoso effetto a catena, le ragazze che vivono nelle baraccopoli diventano automaticamente cittadine di serie b con scarsissime possibilità di cambiare il loro status da adulte, sfavorendo così un aumento della percentuale di donne lavoratrici in Africa.

Ad aiutarmi a capirci qualcosa di più ci ha pensato la storia di Sophia Grinvalds una signorina americana che dopo il college ha deciso di prendersi un anno Sabatico in Uganda, tranquilli che non è l’ennesimo ricco e annoiato emule di Christopher McCandless e il senso di questo viaggio è distante anni luce da un in to the wild qualsiasi. La ragazza ha scelto l’Africa per fare volontariato.

Da questa esperienza nasce Afripads di cui Sophia, oggi brillante trentenne, è ideatrice e amministratore delegato. Afripads è la prima azienda africana che produce assorbenti riutilizzabili da destinare alle zone dell’Africa più svantaggiate. Una genialata, perché questo genere di illuminazioni necessitano di attenta riflessione su un tema e su quello del ciclo mestruale facciamo fatica a dedicare troppo tempo perfino noi Donne.Sbagliando.

Gli assorbenti riutilizzabili prodotti da Afripads

Perché sarebbe stato fin troppo facile percepire che no, in luoghi di estrema povertà come le baraccopoli Africane, non possono esistere assorbenti, che le mestruazioni possono ancora oggi rappresentare un problema estremo per molte donne nel mondo. Ho sempre stupidamente creduto che non esistesse donna sul pianeta che non fosse in grado di accogliere il ciclo mestruale. Quanta approssimazione la mia, come se avessi mai provato io, a non utilizzare gli assorbenti. Come se si potesse davvero chiamare vita, quella che trascorre durante quei cinque giorni senza potersi affidare ad un seppur arrangiato metodo di assorbenza valido.

Come se davvero possa esistere una donna in qualsivoglia continente che per chissà quale assurda tradizione o abitudine preferisca affidarsi a materiali di fortuna come carta igienica o fibre di banana piuttosto che al più semplice assorbente.

Ecco allora, che abbattere il Tabù del ciclo mestruale, smettere di pensare che discuterne manchi di rispetto alla privacy delle Donne, è di fondamentale importanza nel processo di emancipazione femminile nel mondo. E se questa vi sembra un problema secondario, qualcosa di molto meno grave della mancanza di cibo e acqua allora accettate la mia sfida: Un ciclo mestruale intero senza toccare un assorbente, quante di noi ci riuscirebbero?Quante di noi riuscirebbero a vivere?

Di Lucia Coluccia

(Fonte: http://ilpuntod.com/2015/10/02/cosa-significa-avere-le-mestruazioni-in-africa-tu-ci-riusciresti/)

 

Segui Blog delle donne anche su www.facebook.com/blogdonne e su http://www.twitter.com/Blogdelledonne

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...