7 gennaio 2004: Mirna Bartolini uccisa, fatta a pezzi e bruciata dall’ex compagno

Mirna

Mirna Bartolini sparì il 7 gennaio 2004 dal suo appartamento di Castiglione. Furono i figli della donna a dare l’allarme e del caso si interessò anche “Chi l’ha visto?” durante il quale Pasquale Stabilito lanciò un appello alla donna perché tornasse a casa. Stabilito era arrivato in Maremma qualche anno prima ed aveva da sempre lavorato con impieghi stagionali, come cameriere in bar e pizzerie della zona, oltre che in un albergo da Castel del Piano. Di tanto in tanto tornava a trovare i genitori e i due fratelli che abitano a San Severo, ed è proprio in quell’abitazione che i carabinieri scoprirono, durante una perquisizione, il telefonino di Mirna.

Così dopo ore e ore di interrogatorio negli uffici della Procura, Pasquale crollò e confessò l’omicidio. Poi condusse i carabinieri nel punto in cui aveva abbandonato i poveri resti della donna, fatta a pezzi e bruciata, nei pressi di Tarquinia.

E inoltre Stabilito confessò anche un altro omicidio: quello di una prostituta nigeriana Mercy Igbinova, uccisa con un colpo di pistola alla testa nella macchia a poca distanza da Pian d’Alma nel pomeriggio del 25 aprile 2003.

Fu condannato all’ergastolo in primo grado, ma l’appello ridusse la pena a vent’anni. Poi confermata in Cassazione.

(Fonte: Il Tirreno) Foto da www.inquantodonna.it)

 

Segui Blog delle donne anche su www.facebook.com/blogdonne e su http://www.twitter.com/Blogdelledonne

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...