In Italia la violenza sulle donne viene ancora giustificata

Pubblicato su Blastingnews

In piena Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne un uomo ha ucciso la moglie perché non voleva che lei lavorasse. Un colpo di fucile per stabilire una volta per tutte l’autorità maschile su di lei, è quello che accade spesso in Italia, negli ultimi anni ogni due giorni.

Raffaella Presta era una donna e mamma di 40 anni. La descrivono come una donna riservata. Dall’altra parte c’è suo marito, un uomo geloso che non accettava il suo brillante lavoro di avvocato penalista. Tutti sapevano che lui la picchiava, ma lei malgrado avesse esperienza in materia per il lavoro che svolgeva non lo aveva mai denunciato.

Secondo un’indagine condotta da ISTAT nel 2006, le donne vittime di violenza domestica erano 3 milioni (  7 milioni  contando anche altre forme di abuso) e i motivi principali che spingono le donne a non denunciare gli abusi domestici sono…

View original post 667 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...