La violenza non si combatte con i volti tumefatti

Non mi è piaciuto affatto che quest’anno, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ci si mettessero anche loro, le big star internazionali: Madonna, Miley Cyrus, Gwyneth Paltrow, Emma Watson, Angelina Jolie e altre, tutte a farsi fotografare dall’artista AleXsandro Palombo con il volto pieno di lividi, tumefazioni, sangue rappreso e gonfiori, tutto finto naturalmente, a colpi di trucco e fotoritocco, come se fossero state picchiate e violentate. È da anni che dico e ripeto che non si combatte la violenza con immagini che la esprimono (vedi ad esempio Stai zitta, cretina”. E come sempre, le campagne contro la violenza esprimono violenza), non si promuove una cultura non violenta (o meno violenta) nei confronti delle donne se si insiste, imperterriti e spesso compiaciuti, a introdurre nel circuito mediatico immagini di violenza sulle donne, vere o false che siano.

Né tanto meno si dissuade nessun maschio (psicopatico, disturbato o presunto normale che sia) dal picchiare o violentare una donna se gli si continuano a mostrare i risultati di azioni violente sulle donne (veri o simulati che siano), peggio ancora se questi risultati raccapriccianti stanno su volti belli e famosi, perché in questo caso la violenza esce rinforzata, valorizzata, estetizzata, perché sul volto delle belle appare quasi bella, attraente: uh, guarda Madonna con i lividi, guarda Gwyneth e Miley, che miracoli fa il trucco, fanno schifo e restano belle, quasi quasi me lo faccio anch’io a carnevale… E tutti a passare le foto all’amica e all’amico, a condividerle sui social, a fare clic. Curiosità pruriginosa. No, peggio: normalità, abitudine. A cosa? Alla violenza appunto. Guarda, clicca, condividi. Mentre nulla cambia e la violenza si rinforza. La violenza ti fa bella.

Di Giovanna Cosenza

(Fonte: giovannacosenza.wordpress.com)

 

Segui Blog delle donne anche su www.facebook.com/blogdonne e su http://www.twitter.com/Blogdelledonne

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...